Previous Next

Resoconto di una settimana

 
Oggi voglio raccontarvi come trascorre la giornata qui.
 
Partiamo dalla sveglia 
Non esiste un orario fisso. Può  suonare alle 5:30 come alle 03:00, se poi becchi la giornata di pioggia viene rinviata a quando le condizioni climatiche sono migliorate. Diciamo pure che l'orario della sveglia dipende dal tipo di allenamento. Domani per esempio in programma abbiamo un Long Road con due gruppi, uno correrà per 35 e l'altro per 43 km, e la sveglia suonerà alle 03:00 per partire alle 04:00. 
 
Di solito dopo l'allenamento arriva il momento della colazione, ma prima una bella doccia calda. Solitamente si usa andare in cucina con un secchio e prendere l'acqua calda bollente per poi stemperarla con quella fredda. A tal proposito vorrei raccontarvi un mio aneddoto. Nel bagno vicino il mio alloggio per avere acqua calda c'è un pulsante che accende diciamo una caldaia. Vi ricordate che ogni tanto la luce va via? Bhe è capitato due giorni fa, dopo una piccola corsetta mattutina, appena sotto la doccia e la corrente va via, penserete che mi sono rivestito e andato in cucina? no ho sfidato me stesso e ho aperto lo stesso il rubinetto. Proprio una doccia tonificante.
 
Dopo la colazione, che abbiamo già descritto e sapete com'è. Inizia la giornata. Ci si dedica alle pulizie, al bucato. Anche qui un altro aneddoto. Dopo aver fatto la doccia fredda, vado in cucina col secchio e chiedo dell'acqua calda. A meno di metà secchio dico stop e mi chiedono, ma a cosa ti serve l'acqua? io rispondo, per il bucato...la doccia l'ho appena fatta fredda, ed esco dalla cucina con tutti gli sguardi increduli e meravigliati su di me.
 
Dopo ognuno si rilassa a modo suo, chi va a dormire, chi va a fare un giro qui vicino, chi preferisce un trattamento per recuperare meglio. 
 
Durante i trattamenti mi assiste spesso John il mio collega, e finalmente dopo una settimana di stare a guardare e dare una piccola mano, arriva anche il suo momento e mi sottopongo ad un trattamento fidandomi di lui. Anche se in certi momenti ho rischiato un pò. Dopo che John finisce con me, arriva Justin il capitano che per ora si allena a parte e chiedo a John se se la sente di fare lui tutto il trattamento. Risultato? cavata alla grande e per premiarlo ho fatto un video che poi ho lasciato a lui così memorizza meglio certi passaggi.
 
 
Suona la campanella del pranzo, ma oggi niente pranzo al campo per me. Sono stato appena invitato da Henry ad andare a mangiare in un posto locale. Pochi passi e ci siamo, entriamo e io meravigliato da questo locale tipico chiedo subito se potevo fare delle foto e mi viene concesso il permesso. Nel frattempo inizia ad arrivare sul nostro tavolo agnello al ragù accompagnato da chapati. Ma non finisce qui, e che fai le costolette di agnello non le assaggi? Insomma un bel pranzetto e un' esperienza incredibile. Grazie Henry. 
 
Ecco queste sono le giornate a Kapsait, tranquille, imprevedibili ma sempre piacevoli. Fortunatamente ho ancora una settimana da trascorrere con questo meraviglioso gruppo.
 
 

Stampa